lunedì 1 agosto 2011

ENNESIME BUFALE ANTICATTOLICHE

All’indomani della strage di Oslo, non pochi commentatori, tra cui Michele Serra su La Repubblica, hanno deliberatamente fatto passare il messaggio che l’attentatore fosse cristiano ed addirittura cattolico. Tesi davvero ridicola dal momento in cui lo stesso omicida ha ammesso di essere massone e di simpatizzare per gli ebrei. Ma non solo. Gli investigatori, setacciando i siti web dove Anders Breivik postava i deliranti messaggi, hanno scoperto che i suoi interlocutori preferiti erano satanisti ed atei. Nei suoi post è saltato fuori che tra i nemici dichiarati, oltre ai comunisti e agli islamici, figuravano anche il papa e il PDL. Eppure, è bastato che il folle si dichiarasse “cristiano culturale” per dare la stura ai professionisti dello sciacallaggio anticattolico. Profittatori a parte, con l’espressione “cristiano culturale”, Breivik ha espresso il medesimo concetto di “cattolico adulto” coniato da Romano Prodi, qualche anno addietro. Entrambi, seppur con diverse locuzioni, hanno voluto sottolineare l’aspetto che ci si può dirsi cattolici o cristiani a prescindere dalla piena adesione dottrinale a questa o a quella confessione. In parole semplici, Breivik ha voluto far credere che si riesce ad essere bravi cristiani anche nutrendosi di elementi non cristiani, mentre l’ex capo della sinistra italiana ha voluto far passare l’idea che si riesce ad essere bravi cattolici anche appoggiando partiti politici lontani anni luce dal magistero della chiesa. I risultati dei cristiani cattolici fai da te, nell’uno o nell’altro caso si sono visti eccome. In Norvegia, un pazzo ha ammazzato decine di innocenti, in Italia, i cattolici adulti, sono finiti con l’accucciarsi ai diktat delle laicissime segreterie dei partiti da sempre favorevoli all’aborto, all’eutanasia e ai “diritti” gay. Il primo dei sette vizi capitali è la superbia. Quando l’uomo decide di fare di testa sua e prescinde dalle autorità umane e divine, “naturale” che la superbia umana generi mostri,morte ed immoralità.

38 commenti:

  1. mi sembrano molto piu' vicini agli insegnamenti del vangelo gli ideali dei partiti del centrosinistra.

    RispondiElimina
  2. vero...infatti il diritto all'aborto e i diritti agli omosessuali rientrano al primo posto nell'agenda di papa Benedetto...

    RispondiElimina
  3. Se è contro l'aborto al primo posto dovrebbero figurare le campagne per la contraccezione.

    Sulle unioni omosessuali qual è il problema? Sono giuste e legittime tanto quanto quelle fra eterosessuali, che differenza c'è?

    Ah che non possono procreare? Allora vietiamo anche i matrimoni fra persone sterili.

    RispondiElimina
  4. Se studiassi un tantino di piu il magistero, sapresti che anche la contraccezione è vietata dalla Chiesa...ergo il problema campagne non sussiste.

    In giorno in cui il papa rimuoverà san Paolo dai vangeli la sottostante condanna dell'omosessualità, pure io mi batterò per i diritti degli omosessuali.


    " Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno
    cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente
    anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono
    accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi
    uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che si
    addiceva al loro traviamento.....E pur conoscendo il giudizio di Dio,
    che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo
    continuano a farle, ma anche approvano chi le fa." (Rm 1, 26/32)
    - "...Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né
    effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né
    maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio" (1 Cor.
    6,9/10) - "…La legge non è fatta per il giusto, ma per i non
    giusti e riottosi, per gli empi e di peccatori, per gli scellerati e i
    profani, per i parricidi e matricidi e omicidi, per i fornicatori, per
    i sodomiti[1][1], per i ladri d'uomini, i bugiardi, gli !
    spergiuri…"(1 Tm. 1,9),

    RispondiElimina
  5. Ed è sbagliato che sia vietata perché per prevenire l'aborto e tante malattie è l'unica strada possibile.

    San Paolo parla in un tempo lontano con convinzioni scientifiche lontane e assai più primitive, o per te i precetti riportati ad esempio nel Levitico hanno ancora valore.

    Più Fede, più Carità, meno antropologia.

    RispondiElimina
  6. I cattolici quelli veri (non quelli che si proclamano tali a prescindere dalle posizioni del Magistero) ascoltano e mettono in pratica gli insegnamenti della Chiesa. A chi non piace questa Chiesa Cattolica guidata da Papa Ratzinger, si guarda in giro. Nelle chiese protestanti, cioè senza autorità e dogmi, c'è posto per tutti. Rimanere nel cattolicesimo e contestarlo dall'interno, non ha alcun senso.
    La chiesa non necessita di eretici.
    Che significa Carità? Permettere a dei sodomiti di fare porcherie contronatura? Ma in quale testo teologico (anche di altre religioni) ha letto che la sodomia è benedetta e auspica da Dio? Attendo citazioni...

    RispondiElimina
  7. Chiediti quanti cattolici si riconoscono in questi divieti assurdi e magari rispondi sul Levitico.

    RispondiElimina
  8. ti ricordo che la chiesa non mette ai voti, nè i principi non negoziabili, nè le sue regole dottrinali. ti ricordo inoltre che la chiesa cattolica è una monarchia assoluta, il quale potere scende dall'alto...e non certo dal riconoscimento o meno dei fedeli.
    non capisco perchè un protestante come te, insista a voler rimanere cattolico...

    RispondiElimina
  9. La Chiesa fa giravoltole su tanti temi come il limbo.
    Tu non rispondere mi raccomando continua a trollare e illuditi di aiutare la Chiesa quando fai l'opposto.

    RispondiElimina
  10. Tanto non vai in paradiso da solo ma ci troverai atei comunisti gay e tutti quelli che tu e solo tu non sopporti.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. No, signor Toffali.
    Quel norvegese non era un "cristiano culturale" come Prodi, era un "cristiano culturale" come i vari Borghezio (appunto), Fallaci (pace all'anima sua), Ferrara, Santanché e Toffali. Un fottuto cristianista che non abbraccia il cristianesimo come ideale di vita o come via di salvezza, ma lo impugna come una mazza da dare in testa a tutto ciò che non è bianco, occidentale e atlantista.

    RispondiElimina
  13. Toffali, su San Paolo:
    http://www.gionata.org/bibbia-e-omosessualit/approfondimenti/cos-ha-detto-ges-sull-omosessualit-san-paolo-e-la-lettera-ai-romani.html

    RispondiElimina
  14. gianni toffali8 agosto 2011 11:52

    caro Corrado, come tutti i cattocomunisti, oltre ad essere superbio ed aggressivo, è pure analfabeta! Prima di vomitare fesserie, poteva almeno prendersi la briga di leggere attentamente il pezzo! A definirsi "cristiano culturale" è stato lo stesso Breivik. Prodi, s'è autodefinito "cattolico adulto", non "cristiano culturale" come lei ha capito. Ergo, onde evitare figure di cacca, ritorni qui dopo aver studiato. Non mi costringa a specificare che su questo sito non sono ammessi i somari!

    RispondiElimina
  15. gianni toffali8 agosto 2011 11:55

    considero il sito gionata.org un sito eretico, ergo non fa testo.

    i sodomiti cattolici che accedono a questo sito, sono pregati di citare le sacre scritture o il magistero della chiesa.
    grazie

    RispondiElimina
  16. Se ritiene che io sia aggressivo e presuntuoso perché ho usato l'aggettivo "fottuto", beh, mi sembra un termine fin troppo gentile per un porco come quello. E comunque non accetto accuse di aggressività e superbia da parte sua.
    Io l'ho letto attentamente il pezzo, ed ho letto che secondo lei «con l’espressione “cristiano culturale”, Breivik ha espresso il medesimo concetto di “cattolico adulto” coniato da Romano Prodi». Forse è lei che non sa leggere quello che scrive e alle scuole medie sentivo dire che chi non capisce la propria scrittura è un asino di natura.
    L'ideologia di quel tale somigliava abbastanza a quella dei personaggi che ho elencato, quanto al fatto che non fosse un fondamentalista - e men che meno cattolico - ha ragione lei. Ma ancora più assurdo è accostare le sue posizioni con quelle di Prodi (personaggio che peraltro non amo per niente).
    Quindi la figura di cacca, come al solito, l'ha fatta lei.

    RispondiElimina
  17. gianni toffali9 agosto 2011 08:26

    Chi è che ha scritto: "Quel norvegese non era un "cristiano culturale" come Prodi, era un "cristiano culturale" come i vari Borghezio (appunto), Fallaci (pace all'anima sua), Ferrara, Santanché e Toffali". Queste boiate le ha scritto lei! Che avrei frainteso? Richiami la sua vecchia maestra e si faccia dare qualche lezioncina di logica. Quanto ai personaggi da lei citati, nessun problema ad ammettere li "amo" nella stessa misura in cui "odio" gli utili idioti pacifisti e cattocomunisti al servizio dell'islam.

    RispondiElimina
  18. «Quel norvegese non era un "cristiano culturale" come Prodi, era un "cristiano culturale" come i vari Borghezio (appunto), Fallaci (pace all'anima sua), Ferrara, Santanché e Toffali»
    Certo che le ho scritte io, è ho detto la cosa più lapalissiana del mondo, confermata da Borghezio stesso. Se lei vuole negare l'evidenza faccia pure. Si accorgerebbe chiunque che la boiata pazzesca l'ha scritta lei (come al solito) accostando l'auto-definizione di "cristiano culturale" datasi da quel deficiente scandinavo a quella di "cattolico adulto" datasi dal Mortadella. Poi lei è libero di amare chi vuole, "de gustibus non disputandum est".

    RispondiElimina
  19. va beh, rinuncio a replicare...a lei piacciono i sofismi e i giri di parole, a me piace parlare schietto: viva la Fallaci, Borghezio, Ferrara; abbasso i cattocomunisti, gli atei ideologici, i sodomiti, i pacifisti, i sinistri e gli utili idioti filo islamici!
    come vede, bastano poche parole per farsi capire senza equivoci!!mica mi nascondo dietro le parole come fa lei e i suoi amici cattocomunisti alla prodi, alla bindi e alla casini...che reputo escort alla pari di prostitute d'alto bordo...

    RispondiElimina
  20. Toffali cosa dice se giro il suo blog alla Bindi?
    Verranno i santi a salvarla da una denuncia per diffamazione?

    RispondiElimina
  21. caro vigliacchetto anonimo (come tutti i beceri sinistri, manco hai le palle per firmarti: VIGLIACCO!!), ma non lo sai che in italia c'è libertà di espressione e di pensiero? mica siamo in un paese comunista come la feccia alla quale tu appartiene vorrebbe. legga bene sinistro vigliacchetto, ho scritto REPUTO...ergo tradotti per i VIGLIACCHI IGNORANTI come lei, ho espresso ciò che penso su questi personaggi.

    attendo denuncia...ah ah ah IDIOTA! cerca di venire a rompere le balle qui. frequenta i siti sodomitici, sono più vicini alla miserabile condizione di vigliacchetto alla quale apparetieni! IDIOTA!

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  23. Mi dice dietro quali parole mi sono nascosto e poi ne riparliamo.
    Prodi, Bindi e Casini NON sono amici miei, anche se per la povera Rosi un po' di simpatia umana la provo e ammetto di aver creduto un po' in Prodi, ma di essermi ricreduto dopo essermi informato sul suo passato. Comunque non ho MAI votato Pd - men che meno Udc, ovviamente - e anzi sto cercando di convincere la gente a non votare più per quel partito.
    Semplicemente le facevo notare quanto fosse assurda la sua asserzione, soprattutto se proferita da lei, che una forte contiguità ideologica con l'assassino ce l'ha davvero (cosa che non la rende certo complice del delitto, naturalmente).
    Continui pure a fantasticare sulla Bindi in versione mignotta, se la cosa la eccita. Sogni d'oro, comunque!

    RispondiElimina
  24. circa la Bindi, la penso come Sgarbi: più bella che intelligente.

    mi riferivo al fatto che non si firma.
    come avrà notato, mi firmo nome e cognome.
    non ho nulla da nascondere, come la mia fede leghista (in mancanza di un partito esplicitamente cattolico mi accontento).

    RispondiElimina
  25. Dice a me, che non mi firmo? Io uso uno pseudonimo come la maggior parte di quelli che scrivono su internet. Se le interessa anche il mio cognome, ebbene, mi chiamo Calvo, come l'ex sindaco leghista di Alessandria. Soddisfatto?

    RispondiElimina
  26. ok, grazie dell'informazione.
    però non capisco il motivo dell'uso dei pseudonimi. mi vien da pensare che chi usa l'anonimato abbia qualche scheletro nell'armadio o che non abbia il coraggio delle proprie idee.
    io mi firmo sempre, non mi vergogno a dire lo cose che penso...per esempio che gli statali sono dei grandissimi imboscati e che reputo i sindacati una sorta di associazione a delinquere legalizzata. e lo dico da statale che conosce i meccanismo della pubblica ruberia...ops, amministrazione!! ho persino fondato il club BRUNETTA FOREVER!!

    RispondiElimina
  27. Se dici a me, ho un account google ma non mi va di loggarmici quindi scelgo "anonimo". ;)

    RispondiElimina
  28. Vogliamo Gianni Toffali al governo!

    RispondiElimina
  29. gianni toffali18 agosto 2011 11:55

    la politica è una forma di prostituzione soft...non essendo il sottoscritto un'escort o un gigolò incline al compromesso, la lascio a chi ha più dimestichezza con il lavoro più vecchio del mondo..

    RispondiElimina
  30. Signor toffali,

    lei che é 'tanto cattolico', come mai serve israele?

    RispondiElimina
  31. ah, a proposito di Brunetta, per una volta faccio il leghista anch'io e mi unisco all'appello di Bossi sulle pensioni: «Nano di Venezia, non romperci i coglioni!»

    RispondiElimina
  32. "lei che é 'tanto cattolico', come mai serve israele?"

    E' un 'cattolico' affetto da GIUDEOLATRIA, malattia che colpisce tanti 'credenti' che 'credono' solo in funzione anti-musulmana.

    Lui 'crede' perché addestrato dalla propaganda islamofoba made in Usa e made in Israel!

    RispondiElimina
  33. non servo nessuno...sono consapevole che gli ebrei diffondono l'immoralità (omosessualità in primis) e soprattutto costituiscono il nucleo della massoneria internazionale...precisato questo, li ritengo il male minore rispetto al pericolo islam. meglio 10 ebrei che un islamico...almeno gli ebrei, a differenza di noi occidentali buonisti e pacifisti, sanno come "dialogare" con l'islam radicale: a suon di missili sulla zucca!!!

    RispondiElimina
  34. caro corrado, premetto che sono un leghista e comtemporaneamente sono un dipendente statale. ma diversamente da Bossi, sto dalla parte di Brunetta!!! da statale conosco l'ambiente...le assucuro che gli statali (quelli meridionali in primis) sono dei perfetti imboscati fancazzisti mantenuti. i sindacati che li proteggono, sono delle associazioni a delinquere...difendere i priviligi e i falsi malati è un crimine!!
    FORZA BRUNETTA: sodomizzali tutti gli statalisti!!

    RispondiElimina
  35. "meglio 10 ebrei che un islamico...almeno gli ebrei, a differenza di noi occidentali buonisti e pacifisti, sanno come "dialogare" con l'islam radicale: a suon di missili sulla zucca!!!"

    Giudeolatra, come OSI anche solo DEFINIRTI cattolico? Per quelli come te sappiamo come regolarci noi paladini della Fede!

    Amico dei decidi! Vai nella Sinagoga di Satana!!!

    RispondiElimina
  36. ragazzo...non scaldarti troppo...sono amico di tutti i tradizionalisti veronesi!!!compreso il mitico Maurizio Ruggero...che penso conoscerai...
    salutami don Abramovich...cacciato dalla comunità PIO X perchè la pensava come te...
    non esagerare con i giudizi...forse non hai mai visto che ho scritto riguardo gli ebrei...cambieresti certamente idea...

    RispondiElimina
  37. Io sono figlio di due statali terroni (ma anche un po' terronofobici) che si fanno il mazzo tanto e anche il sangue acido quando le cose non vanno.
    In un primo momento in casa mia avevamo accolto con cauto ottimismo gli annunci del nanerottolo. In realtà era solo propaganda. Provvedimenti come la reperibilità obbligatoria «dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14 alle ore 20.00 di tutti i giorni, compresi i non lavorativi e i festivi.» Sono pure misure punitive senza senso. Se vivo solo come faccio a procurarmi il cibo e le eventuali medicine? Me le porta a casa la Carfagna o la Prestigiacomo?
    (Mi dispiace tirarle in ballo, ma sono gli unici ministri che farei entrare volentieri a casa mia. Galan prima mi stava simpatico adesso mi sta deludendo)

    ...E poi: «Per i periodi di assenza per malattia, di qualunque durata, ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni [...] nei primi dieci giorni di assenza e' corrisposto il trattamento economico fondamentale con esclusione di ogni indennita' o emolumento, comunque denominati, aventi carattere fisso e continuativo»
    Senza contare l'atteggiamento odioso che ha dimostrato di recente nei confronti dei precari.
    Io lo manderei in miniera!

    Invece di accanirsi con chi lo fa col proprio o con quello di adulti consenzienti dovrebbe iniziare a prendersela con chi il frocio lo fa col culo degli altri.

    RispondiElimina
  38. discorso complesso...non ti do del tutto torto...a parte i precari, generalmente figli di papà, che a differenza degli altri giovani europei, non sono disposti a fare nessuna gavetta come farsi esperienze lavorative all'estero. in italia purtroppo, grazie ai banditi dei sindacati, non esiste il concetto di flessibilità. il mito del posto fisso, è una fissa tutta italiota!!!vai all'estero e ti ridono dietro...

    ma hai visto la critica che un folle integralista mi ha riservato?

    generalmente ricevo critiche da sinistra e dal centro, ma da destra...mai accaduto!!!anzi..i sinistri mi scambiano per un quasi fascista...eppure mi reputo solo cattolico...

    RispondiElimina